Cortona On The Move 2019 analizza il rapporto fra uomo e paesaggio

Nella preziosa e suggestiva location delle Gallerie d’Italia di Milano, martedì 21 Maggio è stata presentata alla stampa la nona edizione del festival internazionale di fotografia Cortona On The Move, con la guida artistica, partecipata e competente, di Arianna Rinaldo e sotto la direzione appassionata di Antonio Carloni.

Il tema portante di quest’anno è il complesso rapporto fra esseri umani, paesaggio e territorio. Attraverso la continua evoluzione del linguaggio della fotografia contemporanea, 32 mostre di grandi maestri e gli archivi storici, si vuole avviare una importante riflessione sulle tematiche ambientali che, oramai, riguarda ogni individuo del pianeta.

Ricordiamo che il festival è organizzato dalla associazione culturale ONTHEMOVE, con presidente Nicola Tiezzi, nata nel 2011 con la missione di promuovere la fotografia. Dal 2015 alla associazione è inoltre affidata la gestione della Fortezza del Girifalco di Cortona, con l’impegno di ricercare fondi per il restauro della stessa e con l’obiettivo di farne un centro internazionale dedicato alla cultura e alle arti visive.

Il successo ed il consolidamento di un evento di tale portata è ottenuto grazie anche ai patrocini di Regione Toscana, Comune di Cortona e Provincia di Arezzo e sostenuta da sponsor di rilievo quali Intesa Sanpaolo e Canon Italia.

L’intervento delle amministrazioni, nella persona della vicesindaco Tania Salvi, evidenzia come Cortona on the Move sia un appuntamento allo stesso tempo internazionale e locale, portando la piccola cittadina toscana nel mondo e invitando i cittadini stessi a riscoprire, a partire dalle sedi espositive, luoghi più piccoli, periferici, intimi e dimenticati. Evidente come un evento del genere sia anche un importante volano per le attività cittadine vista la numerosa partecipazione di visitatori e turisti nelle scorse edizioni.

Dalla collaborazione con Intesa Sanpaolo e Archivio storico Intesa Sanpaolo nasce Paesaggio Umano – L’Italia del ‘900, una selezione di immagini tratte dall’Archivio storico Intesa Sanpaolo. Il solo archivio Publifoto conta sette milioni di immagini che rappresentano la memoria collettiva dell’Italia della seconda metà del ‘900 e che, come ha ricordato la direttrice Barbara Costa, necessita di continuo impegno e attenzione per la conservazione e permetterne così la fruizione nel futuro. Il materiale selezionato rivela il rapporto tra i cittadini e il paesaggio sia attraverso le fotografie di disastri ecologici e ambientali, ma anche ricostruzioni e sviluppi infrastrutturali del territorio. Michele Coppola, responsabile dei beni archeologici storici e artistici di Intesa Sanpaolo ha inoltre confermato la collaborazione anche per il prossimo anno, quello della decima edizione di Cortona On The Move.

Per il terzo anno consecutivo Canon partecipa in qualità di Digital Imaging Partner. Tutte stampe del festival verranno prodotte a Cortona nell’Officina di stampa che sarà allestita nei mesi di giugno e luglio, ed utilizzando tecnologie e carta Canon e il knowhow di Center Chrome. I laboratori di questa edizione, nominati Summer School, sono curati da Canon Academy. Giunta al suo secondo anno ci sarà anche Arena – video and Beyond, sezione dedicata a fotografi che lavorano tra fotografia, video e tecnologia. Qui Canon divide la partnership con National Geographic.

 

BEN 32 LE MOSTRE

Simon Norfolk presenta tre progetti in una mostra dal titolo Crime Scenes nei quali racconta l’influenza che l’uomo ha sulla terra mentre Gideon Mendel con Drowning World Tomorrow esplora il fenomeno delle inondazioni. Paolo Verzone con Arctic Zero invece viaggia alla scoperta delle comunità più a Nord del Mondo e Nadia Bseiso con il progetto Infertile Crescent documenta le trasformazioni geopolitiche del Medio Oriente.

Esplosioni civili controllate che cambiano il paesaggio sono le protagoniste di The Explosion of Landscape: Blasting Practices di Andrea Botto, mentre il progetto Legitimacy of Landscape di Yaakov Israel ci porta sul territorio israeliano, fra le persone che ci vivono e le loro storie.

Yan Wang Preston con Forest indaga la discutibile ricostruzione dell’ambiente naturale nelle città cinesi, mentre The Beauty and The Beast il lavoro del duo fotografico Hahn+Hartung racconta la relazione tra uomo e natura in zone colpite da terremoti, eruzioni vulcaniche e tsunami. In An Elegy For The Death of Hamun, Hashem Shakeri documenta gli effetti del cambiamento climatico in una zona dell’Iran che da foresta rigogliosa è divenuta oggi un deserto. Il suo lavoro insieme a quello di Nanna Heitmann sono i due vincitori della call New Visions in collaborazione con LensCulture.

Il Messico è invece lo scenario di altre due mostre: La Caravana, di Ada Trillo che nell’ottobre del 2018 ha seguito i migranti che da vari stati del Sudamerica cercano di raggiungere gli Stati Uniti e Passersby, con cui la fotografa Lara Shipley immortala il deserto di Sonora, palcoscenico di migrazioni.

Marina Caneve vince il PhotoBook Dummy Prize 2018 con una indagine territoriale sui rischi idrogeologici nelle Dolomiti, mentre Nanna Heitmann, vincitrice della call New Visions, con Hiding From Baba Yaga racconta il desiderio di libertà di coloro che vogliono fuggire dalla vita mondana. In Santa Barbara Diana Markosian, vincitrice di Happiness ONTHEMOVE Award 2018, ricostruisce le vicende della sua famiglia fra Stati Uniti e Russia.

LE COLLABORAZIONI

Aboca partecipa per il terzo anno presentando una mostra e un libro fotografico sulla Tenuta Granducale di Montecchio. Quest’anno l’artista scelto è Claudius Schulze, fotografo tedesco noto per la fotografia di paesaggio.

Per la prima volta l’Institut d’Estudis Baleàrics rappresentato da Beatriz Polo Iañez, porta a Cortona L’Illa, istantanee di individui che abitano un’isola e le dinamiche di interazione; mentre dal Canada, in collaborazione con Magenta Foundation e Istituto Italiano di Cultura di Toronto, La Strada Blu. 7458 km di coste italiane di Marco Rigamonti, e Voices in the Wilderness di Ryan Walker.

Master of Photography in collaborazione con Sky Arte presenta le opere di otto fotografi, che sono stati chiamati a raccontare il mondo che ci circonda tramite uno sguardo moderno. I due finalisti avranno la possibilità di partecipare a un workshop oltre a letture portfolio durante le giornate inaugurali di Cortona On The Move, dove verrà anche esposta la mostra conclusiva della quarta stagione di Master of Photography.

LE OPEN CALL

New Visions. In collaborazione con LensCulture 700 fotografi da tutto il mondo che hanno risposto alla open call presentando opere originali di tipo documentaristico che non temono la sperimentazione.

Premio internazionale Happiness ONTHEMOVE. Organizzato in collaborazione con il Consorzio Vino Chianti, il tema è la felicità in movimento. La call si è chiusa il 14 aprile ed ha visto la partecipazione di 219 fotografi. il vincitore sarà annunciato il 6 giugno e il progetto sarà proiettato durante la serata inaugurale del festival.

Baci From Cortona. Da cinquant’anni a Cortona è presente l’University of Georgia, fino ad oggi tantissime storie si sono incrociate legando fortemente il territorio ai fratelli americani. La fotografia è il mezzo con cui si è voluto raccontare la storia di due culture che si intrecciano e si arricchiscono a vicenda, lasciando un segno profondo. Le immagini più significative verranno esposte in una mostra e pubblicate in un libro celebrativo.

Raccontaci una storia. Giunta alla 14a edizione il Premio Canon Giovani Fotografi 2019 è riservato ai giovani dai 18 ai 35 anni ed chiede ai giovani fotografi di raccontare una storia, vissuta in prima persona, come testimoni oppure immaginata, tramite la fotografia affiancata alla multimedialità. Menzione speciale per la fotografia sportiva.

Non resta che attendere le giornate inaugurali del Festival (11-14 Luglio), nel centro storico di Cortona e nella sede della Fortezza del Girifalco, dove saranno organizzati eventi, presentazioni, talk, workshop e letture portfolio con i più grandi protagonisti della fotografia contemporanea fra cui Jerome Sessini, Simon Norfolk, Paolo Verzone e Renata Ferri. Da segnalare la presenza, all’inaugurazione del 13 luglio, del dei vincitori del premio Pulitzer 2019.

Per informazioni:
Cortona on the Move – Arezzo (AR)
11 luglio / 29 settembre 2019
www.cortonaonthemove.com

 

Mirko Bonfanti
magazine.discorsifotografici.it