Sony ravviva la gamma con A6100, A6600 e due nuovi obiettivi

Consueto, anche se un po’ a sorpresa come tempistica, l’aggiornamento di Sony nel segmento mirrorless più diffuso tra gli appassionati di fotografia che hanno scelto questo marchio. Oltre a due nuovi obiettivi, di recente è stato annunciato il lancio dei corpi macchina A6100 e A6600, il primo destinato ai fotoamatori evoluti, ed il secondo che punta di più verso il segmento professionale.

Sony A6100

La A6600 beneficia di miglioramenti per soddisfare le esigenze di fotografi e videomaker. L’ergonomia è cambiata e, a detta di Sony, migliorata, il che, unitamente ad una batteria più potente, permette l’esecuzione di diversi scenari di ripresa.

Sony A6600

Entrambi i corpi macchina includono un sensore di immagine CMOS Exmor da 24,2 MPixel, un processore di immagini BIONZ X combinato con un co-processore di elaborazione della gamma ibrida full-format di Sony. Questa combinazione di tecnologie migliora la qualità dell’immagine e le prestazioni sia per la fotografia che per il video. Il sensore presenta 425 punti di AF a rilevamento di fase, che coprono circa l’84% dell’immagine e 425 punti AF a rilevamento di contrasto. L’ampia copertura di messa a fuoco su quasi tutta la superficie dell’immagine, combinata con un’alta densità di punti di misura, potrebbe garantire la messa a fuoco automatica anche in condizioni di luce difficile.

Sia  A6100 che A6600 fanno uso di intelligenza artificiale per mantenere il soggetto a fuoco. Entrambe le fotocamere sono basate sulla versione più potente dell’Eye AF con rilevamento in tempo reale degli occhi del soggetto. Lanciato da Sony più di 5 anni fa, questo sistema di sviluppo utilizza un algoritmo di riconoscimento dei soggetti basato sull’Intelligenza Artificiale per rilevare ed elaborare in tempo reale i dati corrispondenti a volti e occhi. Una tecnologia consolidata che aumenta la precisione e la velocità di sviluppo e migliora le prestazioni di eye tracking per l’uomo e gli animali.

Ai modelli Alpha 6100 e Alpha 6600 sono state aggiunte funzioni, come il miglioramento della riproduzione dei colori e degli algoritmi di elaborazione delle immagini (ereditati dai modelli Alpha full frame) per una riproduzione più realistica delle tinte, specialmente quelle della pelle. Novità anche sul lato video con registrazione video 4K internamente sulla scheda di memoria in massima qualità grazie all’elaborazione di tutti i pixel del sensore per creare una definizione 4K UHD in formato Super 35mm, trasferibile su smartphone dall’applicazione mobile Imaging Edge. La A6600 è equipaggiata con il profilo immagine HLG (Hybrid Log-Gamma) e i profili gamma S-Log3 e S-Log2 per gli utenti che desiderano calibrare i colori dei loro video in post-produzione. Inoltre incorpora altre nuove caratteristiche come la gamma di sensibilità ISO di 100-32.000, che può essere estesa da ISO 50 a 102.400.

L’autonomia teorica della batteria dovrebbe garantire fino a 810 immagini mentre si utilizza lo schermo posteriore. Troviamo anche un’uscita cuffie per monitorare il suono durante la registrazione video e un secondo jack incorporato per collegare una ulteriore cuffia.

Come già accennato, sono stati presentati anche due obiettivi zoom APS-C della serie G con zoom E 16-55 mm f/2,8 G e super teleobiettivo zoom E 70-350 f/4,5-6,3 G OSS, portando l’attacco E-Mount di Sony a 54 obiettivi. Il primo zoom è equivalente a un 24-82,5 mm, adatto alla fotografia di paesaggio, strada o ritratto.

L’obiettivo E 16-55 mm f: 2,8 G si basa su una formula ottica di 17 lenti in 12 gruppi composti da 2 elementi asferici avanzati (AA), 2 elementi asferici e 3 elementi in vetro ED (Extra-low Dispersion).

Sony E 70-350 f/4,5-6,3 OSS

Il super tele zoom E 70-350 f/4,5-6,3 G OSS, con una lunghezza focale equivalente a 105-525 mm si rende interessante agli appassionati di fotografia sportiva o di caccia fotografica. L’obiettivo è dotato di un selettore della modalità di messa a fuoco e di un fermo per bloccare alla lunghezza focale più corta.