Una partnership fra Sony e Microsoft potrebbe rendere i fotografi agenti di intelligenza artificiale.

Sony e Microsoft hanno annunciato una partnership strategica che vedrà le due società collaborare in diversi segmenti di business. In un comunicato stampa che annunciava la partnership, le due aziende hanno accennato a come si sarebbe svolta la cooperazione:

“Come parte del memorandum d’intesa, Sony e Microsoft esploreranno anche la collaborazione nelle aree dei semiconduttori e dell’IA. Per quanto riguarda i semiconduttori, ciò include il potenziale sviluppo congiunto di nuove soluzioni di sensori di immagibe intelligenti. Integrando i sensori d’immagine all’avanguardia di Sony con la tecnologia Azure AI di Microsoft in modo ibrido tra cloud e edge, oltre a soluzioni che sfruttano i semiconduttori di Sony e la tecnologia cloud di Microsoft, le società mirano a fornire funzionalità avanzate per i clienti aziendali. In termini di IA, le parti esploreranno la possibilità di incorporare la piattaforma e gli strumenti avanzati di IA di Microsoft nei prodotti di consumo di Sony, per fornire esperienze di IA altamente intuitive e di facile utilizzo”. 

Sony incorpora già algoritmi di apprendimento automatico in diverse sue fotocamere (nell’a6400 nativamente e nell’a9, a7 III e a7R III via firmware) per consentire l’autofocus dell’eye-tracking, mentre Microsoft ha una serie di soluzioni di imaging basate sull’IA che girano sulla sua piattaforma cloud Azure. Ma ciò a cui le aziende alludono nel comunicato stampa sull’integrazione dell’IA e dei sensori di immagine in modo “ibrido tra cloud e edge” è qualcosa di diverso.

Quando le aziende produttrici di fotocamere parlano di “IA” nell’hardware delle fotocamere, ciò che intendono veramente è che hanno eseguito l’apprendimento automatico su un server, hanno preso i risultati di tale apprendimento e li hanno incorporati in algoritmi che funzionano sul processore di una fotocamera. Non sono le fotocamere che eseguono l’apprendimento automatico, ma queste sono solo i beneficiari delle informazioni sulle macchine raccolte altrove.

Rendere le fotocamere un dispositivo “edge”, tuttavia, implica qualcosa di più robusto. Un dispositivo edge di solito si riferisce a un hardware collegato a Internet che comunica con una rete o un server di grandi dimensioni. Una nuova ondata di chip di aziende come NVIDIA e Intel hanno realizzato dispositivi all’avanguardia in grado di eseguire l’apprendimento delle macchine localizzate sul proprio hardware. A differenza, ad esempio, di una fotocamera Sony di oggi, un dispositivo edge non si limita ad eseguire algoritmi di apprendimento automatico, ma anche a condurre un po’ di apprendimento automatico (per quanto modesto e limitato), e a caricare questi risultati nel cloud, dove i dati di migliaia (o milioni) di dispositivi edge possono essere aggregati.

In pratica, questo significa che Sony e Microsoft stanno immaginando un futuro in cui le fotocamere possono eseguire l’apprendimento localizzato delle macchine, contribuendo al contempo a creare un più ampio pool di informazioni sulle operazioni delle fotocamere nel mondo reale. Le caratteristiche che hanno beneficiato di algoritmi di apprendimento automatico, come il riconoscimento degli oggetti e l’autofocus, probabilmente miglioreranno e cambieranno in modi interessanti. Ad esempio, piuttosto che limitarsi a riconoscere gli oggetti in un’immagine per facilitare la messa a fuoco automatica, una fotocamera più intelligente potrebbe aggiungere tag di metadati che identificano tali oggetti. Una fotocamera intelligente potrebbe anche essere utile per imparare le proprie abitudini e stili di ripresa unici, anticipare come si vorrebbe fotografare una certa scena e regolare le impostazioni della fotocamera di conseguenza, una sorta di modalità Auto personalizzata.

Si tratta di pura speculazione, naturalmente, anche se è in sintonia con ciò che i produttori di processori fotografici ci hanno detto l’anno scorso. Sony è notoriamente a denti stretti sui suoi progetti futuri e potrebbe concentrarsi prima sui telefoni cellulari, che trarrebbero vantaggio da questa tecnologia. Tuttavia, per coloro che si chiedono che cosa faranno le fotocamere in seguito, ci è stato appena fornita una prospettiva molto interessante.