di Luce e Ombra

Albinia (Gr), estate 2014. “Secondo l’ipotesi di Zizek, cosa rappresenta la casa di Norman Bates in ‘Psycho’?” “Es, Io e Super-Io!” Rispondo entusiasta, non sapendo come sia stato possibile arrivare a trattare temi a me tanto cari. Eravamo lì per preparare un’intervista per ‘ImagO’ -il festival fotografico della Costa d’Argento- e la conversazione stava invece…

Continua a leggere
Fotografi e…fotografi

Il fotografo è senza dubbio colui che sta dietro la macchina fotografica. Un tempo era addirittura nascosto dietro al panno nero, perso dentro di esso come un uomo primitivo nella grotta di Lascaux, a tracciare i suoi “disegni” e a rappresentare la sua visione del mondo. Visione in cui si riconosce in quanto l’ha partorita…

Continua a leggere
Covid-19. Una fotografia fatta di umanità

Tra le tante attività messe in crisi dal Sars-Covid-2 c’è anche il giornalismo su carta, tradizionalmente inteso. All’indomani delle restrizioni necessarie a impedire la diffusione del virus, gran parte delle rubriche che formano un quotidiano, così come gli inserti, sono andate in crisi perché fagocitate dalla sola emergenza sanitaria. La politica, la cronaca nera, le…

Continua a leggere
Intervista a Biba Giacchetti, dell’agenzia Sudest57

Discorsi Fotografici vi propone il punto di vista di Biba Giacchetti, fondatrice di Sudest57, agenzia che si occupa di grandi fotografi autoriali, mettendoli in contatto con il mondo della comunicazione aziendale e promuovendone la conoscenza tramite grandi eventi culturali. Una donna entusiasta del suo lavoro, generosissima nel suo raccontarsi. Eccovi l’esito della nostra chiacchierata.  …

Continua a leggere
World Press Photo 2020, fra conferme e sorprese

Il giorno 16 aprile 2020 sono stati comunicati i vincitori della 63° edizione del World Press Photo. L’annuncio è avvenuto sui social network del premio poiché la cerimonia è stata annullata a causa delle misure per contrastare la diffusione del Covid-19. Nata nel 1955, World Press Photo è una fondazione no-profit con sede ad Amsterdam,…

Continua a leggere
Niente di nuovo

Che una epidemia sia in grado di investire l’intero pianeta in poco tempo, mettendo in evidenza i limiti delle società cosiddette evolute, è abbastanza evidente. Lo è anche il fatto che dall’eccezionalità si sta facendo largo la normalità, consapevoli che il mondo dominato dalla tecnologia, quella che risolve ogni problema, è andato in crisi o…

Continua a leggere