A Milano la mostra “Youth – L’età della innocenza” del fotografo svizzero Kurt Amman

Il 10 Novembre 2021 presso lo Spazio Eventi Palazzo Pirelli di  via Fabio Filzi, 21 a Milano apre la mostra “Youth – L’età dell’innocenza” del fotografo svizzero di nascita, lombardo d’adozione, Kurt Ammann.

Classe 1925, Kurt Ammann, di Berna, ispirato da Werner Bischop, Jacob Tuggener, Robert Frank e Renè Burri, condivide con i suoi mentori il rigore compositivo tipico della Straight Photography.

L’esposizione, visitabile sino al 1° dicembre, a cura di Biba Giacchetti e in collaborazione con Fausto Fabiano, (grande collezionista che si è occupato di catalogare l’intera opera del fotografo svizzero e di pubblicarne un primo libro retrospettivo) ci propone una inedita selezione delle opere del fotografo poiché il focus è sui giovani e la loro innocenza. 

Come racconta la curatrice «È una mostra sottile e profonda che, attraverso la bellezza gentile delle immagini, vuole approfondire l’importanza di questo passaggio dell’esistenza a cui si consegna il futuro del mondo. Un piccolo plauso alla capacità di sorprenderci, come sanno fare gli straordinari ragazzi di oggi che combattono per il clima con un attivismo incredibilmente saggio e promettente.

È a loro che vogliamo dedicare questa mostra, ci piacerebbe che conoscessero le immagini di Kurt Ammann, nella certezza che potrebbero riconoscere, nel suo sguardo antico e ancora tanto giovane, la stessa forza e la stessa pulsione che li anima: il vento gentile, talvolta impetuoso, sempre innocente della giovinezza»

KURT AMMANN 1948 ASW GRIGION

Questo è dunque il fil rouge che unisce tutte le opere presenti, provenienti dal lavoro prodotto in tempi e nazioni diverse dal fotografo svizzero, e che punta, dunque, alla universalità del linguaggio dei sentimenti che i bambini ed i ragazzi esprimono nelle immagini.  

Attorno a questo tema hanno trovato un comune interesse sia le istituzioni svizzere che quelle italiane: la mostra è infatti promossa del Consolato generale di Svizzera di Milano in collaborazione con il Consiglio regionale della Lombardia.

«Ospitando questa mostra il Consiglio Regionale della Lombardia vuole celebrare la vita dei giovani d’oggi, colpiti e “maltrattati” dalla pandemia, riaffermando un impegno e un’attenzione speciale nei loro confronti. L’auspicio è che queste immagini possano essere pertanto di stimolo per un ritorno alla normalità facendo prevalere la gioia dello stare insieme», queste le parole di Alessandro Fermi, presidente del Consiglio Regionale della Lombardia.

La mostra è visitabile su prenotazione dal Lunedì al Giovedì dalle 9,30 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 17,30, chiamando lo 02/67482777 o scrivendo a urp@consiglio.regione.lombardia.it.

Luisa Raimondi