Che cosa sono le nuvole?

Se qualcosa ci piace difficilmente ne cerchiamo le ragioni o ne indaghiamo le dinamiche mentali o sentimentali: ci piace e basta. Il piacere basta a se stesso e non ha bisogno di tante spiegazioni. Cerchiamo ciò che ci piace quando abbiamo bisogno di consolazione, di un piccolo conforto oppure quando desideriamo ricollegarci a quella sfera…

Continua a leggere
In attesa, in silenzio

Probabilmente è stato il silenzio l’ospite inquieto che ci è rimasto accanto durante i mesi di chiusura da pandemia, si è appiccicato alle nostre vite come un convitato di pietra o meglio un fantasma che sembra non andarsene via mai veramente, déjà vu intriso di attese e paure. Furono silenzi di sguardi dalla finestre, di…

Continua a leggere
Il desiderio è una ferita della realtà

Il desiderio è una ferita della realtà, un taglio netto che divide e determina un’apertura tra due mondi distinti, che possono essere attigui ma sempre separati. Il desiderio permette di compiere un salto su un diverso piano della nostra coscienza, un livello apparentemente alterato finanche inquietante perché non consente un ritorno indietro, un tornare sui…

Continua a leggere
Lenzuola che cadono

L’immaginario cinematografico ci consegna allo stesso tempo la forma e il pensiero di una collettività, perché rappresentazione e coscienza sono spesso legate in un rapporto simbiotico di reciproca appartenenza. Se è vero che l’abito non fa mai il monaco, è altresì vero che sarà proprio da quanto il monaco e il suo abito differiscono e…

Continua a leggere
Il bacio più lungo del mondo

Davanti a casa dei miei genitori c’era e c’è ancora una scuola dell’infanzia, che in realtà dovrei chiamare asilo, perché così si chiamava quando ero bambino. Dietro all’asilo cominciava uno spazio verde, un bosco da cui aveva inizio bruscamente un colle, divenuto nel tempo un parco naturale. L’edificio scolastico era per noi ragazzini una sorta…

Continua a leggere
Lo sguardo di Dio

Nella scena finale de La dolce vita compare una manta gigantesca, tirata sulla spiaggia dalle reti dei pescatori. Il mostro appare immediatamente come un elemento perturbante; ovvero qualcosa che, proprio perché orrendo, «sarebbe dovuto rimanere segreto, nascosto e che invece è affiorato». La relazione che lega l’unheimlich, definito da Freud come «qualcosa di spaventoso che…

Continua a leggere
Il dono dell’oblio

Joachim Schmid è un fotografo tedesco che porta avanti da più di trent’anni un progetto artistico chiamato “Pictures from the street”, basato principalmente sul recupero di fotografie che altre persone hanno scattato e successivamente gettato tra i rifiuti. Sono immagini che sono state buttate vie, spesso sono graffiate, logore, bruciacchiate e quasi distrutte. L’intervento di…

Continua a leggere
Cartoline dall’infanzia

Nel 1969, anno in cui è ambientato Once upon a time in Hollywood (2019), Quentin Tarantino ha sei anni e assiste alla proiezione del film Bambi (1942), esperienza che lo lascia profondamente traumatizzato, al punto di dichiarare in una recente intervista che pianse per ore e ore dopo aver visto quel film di animazione, unico…

Continua a leggere
Passaggio in luce

Passaggio in luce «L’essenza delle cose ama nascondersi» Eraclito Con tutta probabilità il significato del frammento di Eraclito sta nel considerare il senso del disvelamento proprio nel suo nascondersi, nel suo farsi ombra. Non potremmo vedere una forma in luce se non ci fosse l’oscurità a metterla in risalto, né riusciremmo a mettere a fuoco…

Continua a leggere
L’ombra della fotografia

«L’immagine è ciò da cui io sono escluso» Roland Barthes Sappiamo pochissimo di questa immagine fotografica. Sappiamo che l’autore è il lituano Evaldas Ivanauskas mentre il riferimento al tempo storico e alla memoria sono incertI, poiché le persone ritratte sembrano una vedova francese con accanto il suo piccolo bambino. Pertanto il cappotto che penzola su una…

Continua a leggere