Sono tua e non sono tua

Nel film Her (2013) di Spike Jonze, il protagonista s’innamora di un sistema operativo, un’intelligenza artificiale che afferma di possedere una coscienza capace di evolversi e di cambiare ogni minuto che passa, nutrendosi del sapere contenuto in Rete. Nella storia Theodore e Samantha, nome scelto autonomamente dal sistema operativo, iniziano un rapporto che avrebbe dovuto…

Continua a leggere
La via della grazia

L’incipit del film The tree of Life di Terrence Malick recita: «Le suore ci hanno insegnato che ci sono due vie per affrontare la vita: la via della natura e la via della grazia. Tu devi scegliere quale delle due seguire. La grazia non mira a compiacere se stessa. Accetta di essere disprezzata, dimenticata, sgradita.…

Continua a leggere
La prossima rappresentazione teatrale

Un progetto artistico del 1999 di Uta Barth, fotografa di origini tedesche e americane, s’intitola «…camminare senza meta e vedere solo per vedere». Sono scatti fotografici apparentemente semplici, al limite del didascalico, perché si compongono di due immagini accostate l’una all’altra: un’ombra ritratta a terra, con tutta probabilità della stessa fotografa, e poi rami di…

Continua a leggere
Il debole e il tenero stanno in alto

I simboli dell’infanzia sono legati a immagini leggere, evanescenti, quasi senza peso. Sono prevalentemente gli oggetti fragili le metafore che racchiudono il segno della fanciullezza: un palloncino colorato, un aquilone, bolle di sapone. Se volessimo individuare in poche figure simboliche l’immagine dell’infanzia, dovremmo pensare a tutto ciò che sta in alto, perché la levità è…

Continua a leggere
Abbracciare l’ombra

Ernst Gombrich si è interrogato a lungo sull’uso e sul significato che le ombre  hanno apportato alle opere pittoriche nel corso della storia dell’arte. Incorporee per eccellenza, le ombre sono state osservate e descritte da Gombrich come l’elemento che meglio di tanti altri ci permette di identificare le forme e le figure, nonché di poterle…

Continua a leggere
Vieni nei miei sogni

Nella tradizione della cultura occidentale il sogno è stato spesso inteso come un luogo che esisteva al di fuori della persona che sognava, uno spazio nel quale era possibile vedere fatti accadere o incontrare chi non c’era più e che tornava in sogno per poter parlare ancora con i vivi; non a caso un sinonimo di…

Continua a leggere
Che cosa sono le nuvole?

Se qualcosa ci piace difficilmente ne cerchiamo le ragioni o ne indaghiamo le dinamiche mentali o sentimentali: ci piace e basta. Il piacere basta a se stesso e non ha bisogno di tante spiegazioni. Cerchiamo ciò che ci piace quando abbiamo bisogno di consolazione, di un piccolo conforto oppure quando desideriamo ricollegarci a quella sfera…

Continua a leggere
In attesa, in silenzio

Probabilmente è stato il silenzio l’ospite inquieto che ci è rimasto accanto durante i mesi di chiusura da pandemia, si è appiccicato alle nostre vite come un convitato di pietra o meglio un fantasma che sembra non andarsene via mai veramente, déjà vu intriso di attese e paure. Furono silenzi di sguardi dalla finestre, di…

Continua a leggere
Il desiderio è una ferita della realtà

Il desiderio è una ferita della realtà, un taglio netto che divide e determina un’apertura tra due mondi distinti, che possono essere attigui ma sempre separati. Il desiderio permette di compiere un salto su un diverso piano della nostra coscienza, un livello apparentemente alterato finanche inquietante perché non consente un ritorno indietro, un tornare sui…

Continua a leggere