Il Minotauro e la bambina

In occasione della mostra personale dedicata a Pablo Picasso (Malaga 1881 – Mougins 1973), tenutasi a Parigi nel luglio del 1954, l’artista affermò che: «se tutte le tappe della mia vita si potessero rappresentare come punti su una mappa uniti tra loro da linee, il risultato finale sarebbe la figura del Minotauro». L’affermazione chiarisce e…

Continua a leggere
Le vite nascoste

La storia di Franklin Armstrong dei Peanuts è nota soprattutto perché è la vicenda del primo personaggio afroamericano disegnato da Charles Schulz. Il bambino apparve per la prima volta in compagnia di Charlie Brown il 31 luglio 1968, pochi mesi dopo l’omicidio di Martin Luther King e di Robert Kennedy. L’idea di creare un personaggio…

Continua a leggere
Lungo viaggio sentimentale

Nel 1822 Stendhal vive una profonda delusione sentimentale e sperimenta, in tutta la sua cruda sofferenza, il senso del rifiuto della persona amata. Infatti la nobildonna milanese Matilde Viscontini Dembowski non ne vuole proprio sapere delle attenzioni e del corteggiamento dello scrittore francese e lo respinge senza indugi. In preda allo sconforto Stendhal realizza una…

Continua a leggere
Nascere con chi muore

In un passo dei Quattro quartetti di Thomas Stearns Eliot, poemetti che il poeta americano scrissetra il 1937 e il 1942, leggiamo: «(…) Noi/ moriamo con chi muore: guarda,/ essi partono, e noi andiamo con loro./ Noi nasciamo con chi muore:/ guarda, essi ritornano e ci portano con loro». Questi versi mi sono tornati in…

Continua a leggere
Guardare indietro

Uno scatto di Henri Cartier-Bresson del 1971 descrive bene la compresenza di vita e morte nelle nostre esistenze: ci sono due bambini che giocano con un cerchio mentre sullo sfondo un carro funebre procede nel suo cammino. Il gioco dei  bambini consiste nel far correre un cerchio spingendolo con un bastone, è un gioco che appartiene…

Continua a leggere
Fuga nell’infanzia

In una recente pubblicità di un gioco digitale, nato da una famosa serie TV di animazione, un ragazzo incontra la propria nonna in una piazzetta e si accorge che anche l’anziana signora è intenta a catturare gli animaletti virtuali con lo smartphone. Allo stesso tempo le due serie TV più seguite di quest’autunno, Squid game…

Continua a leggere
Innamorarsi di un fantasma

In Vertigo (A. Hitchcock , 1958) il protagonista è Scottie, un ex poliziotto che soffre di vertigini e che ha avuto l’incarico di seguire e vegliare su Madelaine, una donna vittima di una strana ossessione: s’identifica con la bisnonna materna, Carlotta Valdes, che morì suicida a 26 anni a seguito di un trauma profondo. Madelaine…

Continua a leggere
La via in cui non siamo

La prima volta che lessi Diario del ladro (1949) di Jean Genet rimasi profondamente colpito perché era come se la scrittura e i temi raccontati procedessero su strade completamente diverse, anzi ad essere più precisi sembravano opporsi radicalmente. La prosa era estremamente complessa e raffinata, mentre le storie che si avvicendavano parlavano di furti, carcerazioni,…

Continua a leggere
Sulla soglia

Limes, limitis è parola latina indicante il sentiero, col tempo diventa la strada militare e infine la linea di confine (fines, finium); ovvero qualcosa che divide il mondo in due parti: un luogo conosciuto e un altro ignoto, probabilmente ostile vista la necessità di una separazione fisica. Per estensione un limite si pone tra tutto…

Continua a leggere
Sono tua e non sono tua

Nel film Her (2013) di Spike Jonze, il protagonista s’innamora di un sistema operativo, un’intelligenza artificiale che afferma di possedere una coscienza capace di evolversi e di cambiare ogni minuto che passa, nutrendosi del sapere contenuto in Rete. Nella storia Theodore e Samantha, nome scelto autonomamente dal sistema operativo, iniziano un rapporto che avrebbe dovuto…

Continua a leggere