Sulla soglia

Limes, limitis è parola latina indicante il sentiero, col tempo diventa la strada militare e infine la linea di confine (fines, finium); ovvero qualcosa che divide il mondo in due parti: un luogo conosciuto e un altro ignoto, probabilmente ostile vista la necessità di una separazione fisica. Per estensione un limite si pone tra tutto…

Continua a leggere
Sono tua e non sono tua

Nel film Her (2013) di Spike Jonze, il protagonista s’innamora di un sistema operativo, un’intelligenza artificiale che afferma di possedere una coscienza capace di evolversi e di cambiare ogni minuto che passa, nutrendosi del sapere contenuto in Rete. Nella storia Theodore e Samantha, nome scelto autonomamente dal sistema operativo, iniziano un rapporto che avrebbe dovuto…

Continua a leggere
La via della grazia

L’incipit del film The tree of Life di Terrence Malick recita: «Le suore ci hanno insegnato che ci sono due vie per affrontare la vita: la via della natura e la via della grazia. Tu devi scegliere quale delle due seguire. La grazia non mira a compiacere se stessa. Accetta di essere disprezzata, dimenticata, sgradita.…

Continua a leggere
La prossima rappresentazione teatrale

Un progetto artistico del 1999 di Uta Barth, fotografa di origini tedesche e americane, s’intitola «…camminare senza meta e vedere solo per vedere». Sono scatti fotografici apparentemente semplici, al limite del didascalico, perché si compongono di due immagini accostate l’una all’altra: un’ombra ritratta a terra, con tutta probabilità della stessa fotografa, e poi rami di…

Continua a leggere
Il debole e il tenero stanno in alto

I simboli dell’infanzia sono legati a immagini leggere, evanescenti, quasi senza peso. Sono prevalentemente gli oggetti fragili le metafore che racchiudono il segno della fanciullezza: un palloncino colorato, un aquilone, bolle di sapone. Se volessimo individuare in poche figure simboliche l’immagine dell’infanzia, dovremmo pensare a tutto ciò che sta in alto, perché la levità è…

Continua a leggere
Abbracciare l’ombra

Ernst Gombrich si è interrogato a lungo sull’uso e sul significato che le ombre  hanno apportato alle opere pittoriche nel corso della storia dell’arte. Incorporee per eccellenza, le ombre sono state osservate e descritte da Gombrich come l’elemento che meglio di tanti altri ci permette di identificare le forme e le figure, nonché di poterle…

Continua a leggere
Vieni nei miei sogni

Nella tradizione della cultura occidentale il sogno è stato spesso inteso come un luogo che esisteva al di fuori della persona che sognava, uno spazio nel quale era possibile vedere fatti accadere o incontrare chi non c’era più e che tornava in sogno per poter parlare ancora con i vivi; non a caso un sinonimo di…

Continua a leggere
Che cosa sono le nuvole?

Se qualcosa ci piace difficilmente ne cerchiamo le ragioni o ne indaghiamo le dinamiche mentali o sentimentali: ci piace e basta. Il piacere basta a se stesso e non ha bisogno di tante spiegazioni. Cerchiamo ciò che ci piace quando abbiamo bisogno di consolazione, di un piccolo conforto oppure quando desideriamo ricollegarci a quella sfera…

Continua a leggere
In attesa, in silenzio

Probabilmente è stato il silenzio l’ospite inquieto che ci è rimasto accanto durante i mesi di chiusura da pandemia, si è appiccicato alle nostre vite come un convitato di pietra o meglio un fantasma che sembra non andarsene via mai veramente, déjà vu intriso di attese e paure. Furono silenzi di sguardi dalla finestre, di…

Continua a leggere